Frode Volkswagen: centinaia di cause legali aperte in Usa

1 Dicembre 2015, di Alessandra Caparello

WASHINGTON (WSI) – Un’unica camera giurisdizionale con sede a Detroit che decida sulle centinaia di cause civili aperte in seguito al dieselgate, lo scandalo sulle emissioni truccate che ha coinvolto la Volkswagen. Questa la richiesta della casa automobilistica tedesca e del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

Dalle ultime indiscrezioni sembra che nel mercato americano, dove è partito lo scandalo Volkswagen, la casa automobilistica di Wolfsburg indennizzerà i suoi clienti con una tantum di 1000 dollari. Nel nostro paese a essere coinvolti nello scandalo emissioni sarebbero 648.458 e sembra che, per coloro che hanno acquistato le auto “taroccate” non ci sarà alcun risarcimento ma semplicemente un richiamo delle auto coinvolte per una correzione.

Da qui la linea dura delle associazioni dei consumatori, Federconsumatori e Adusbef in primo luogo che sollecitano un’accelerazione della nuova class action. Intanto la Volkswagen Group Italia renderà noto ai suoi clienti le tempistiche e le modalità del richiamo “tramite posta”.