Forex, euro e sterlina penalizzati dal clima di avversione al rischio

2 Ottobre 2018, di Daniele Chicca

Il clima di avversione al rischio, dovuto ai dubbi sulla Brexit e sulla manovra finanziaria italiana, alimenta la domanda di dollari e yen, mentre penalizza sterlina ed euro. Le Borse europee hanno aperto in rosso e i trader non sembrano intenzionati a correre alcun rischio in un contesto di crescente incertezza su più fronti.

La sterlina si sta indebolendo su dollaro e yen, scendendo ai minimi dal 12 settembre. Il livello più basso di seduta rispetto al biglietto verde è di 1,2994. Anche l’euro è in fase calante, soprattutto per via dei timori circa la sostenibilità del debito pubblico italiano e la tenuta dei suoi conti pubblici dopo il varo della legge di bilancio. Mercoledì il testo sarà dibattuto in Parlamento.

Se da un lato l’euro scivola ai minimi di tre settimane, dall’altro va ancora peggio ai Btp italiani, con i contratti sulla scadenza decennale che non sono tanto distanti dai minimi del 2014, quando la crisi del debito greco aveva toccato l’apice.