Eurozona, indice manifatturiero vicino ai massimi di sei anni

3 Aprile 2017, di Daniele Chicca

I dati definitivi sull’andamento del settore manifatturiero in area euro nell’ultimo mese di marzo dipingono un quadro confortante per il blocco a 27 in un momento di incertezze estreme, alimentate dalle prossime trattative sulla Brexit e dalle elezioni in Francia, in Germania e forse persino in Italia. Proprio questi ultimi due paesi, la prima e terza forza dell’area, sono quelli che hanno registrato i risultati più soddisfacenti.

L’indice PMI di Markit Economics si è attestato a quota 56,2 punti, in linea con la lettura preliminare e sopra i valori di febbraio (55,4). Si tratta della crescita della produzione manifatturiera e dei nuovi ordini all’industria più marcata da aprile 2011 in Eurozona. Le pressioni inflative rimangono accentuate.

Di seguito un recap di come sono andati gli indici Pmi del manifatturiero nei singoli paesi membri:

Germania 58,3 punti (flash: 58,3) – massimi di 71 mesi
Olanda 57,8 – minimi di due mesi
Austria 56,8 – minimi di tre mesi
Italia 55,7 – massimi di 72 mesi
Spagna 53,9 – minimi di cinque mesi
Irlanda 53,6 – minimi di 5 mesi
Francia 53,3 (flash: 53,4) – minimi di due mesi
Grecia 46,7 – minimi di due mesi