Effetto Referendum: mercati Asia giù, euro al minimo in 20 mesi

5 Dicembre 2016, di Laura Naka Antonelli

L’euro ha testato i minimi in 20 mesi nelle contrattazioni dei mercati asiatici, con gli investitori scossi dalla vittoria del NO al referendum costituzionale con cui gli italiani hanno bocciato le riforme del premier Matteo Renzi. Sulla borsa di Tokyo, l’indice Nikkei ha terminato la sessione in flessione dello 0,82%, o -151,09 punti, a quota 18.274,99 punti, mentre il Kospi della borsa di Seoul ha ceduto -0,37%.

La vittoria del NO al referendum costituzionale ha portato l’euro a perdere terreno contro le 16 principali valute a livello globale subito dopo i primi ext poll.

L’euro ha poi ridotto le perdite dopo il discorso proferito da Renzi da Palazzo Chigi. Nei confronti del dollaro è scivolato fino a -1,1%, a $1,0548, ma ancora prima aveva perso -1,5%, a $1,0506, al minimo dal 16 marzo del 2015.

Tra gli indici di borsa asiatici, Sidney -0,80%, Shanghai -1,20%.