Ecobonus auto, sulle usate mancano norme attuative e arriva il Summer Black Friday

2 Agosto 2021, di Redazione Wall Street Italia

Anche il mercato delle auto è in cerca di un nuovo slancio dopo i periodi di magra causati dalla pandemia, in soccorso è giunto in particolare l’Ecobonus che il governo ha rifinanziato con 350 milioni di euro e che è stato esteso anche alle vetture usate. Si parte oggi, ma dato che il regolamento attuativo ancora non c’è, l’usato cerca di rilanciarsi anche tramite l’iniziativa del Summer Black Friday.

Gli incentivi per l’usato

Nei suoi piani l’esecutivo ha voluto sostenere anche il mercato della auto usate destinando 40 milioni per chi acquista un veicolo di seconda mano Euro 6, diesel o benzina. Rientrano però nell’incentivo solo i veicoli con basse emissioni di CO2, vale a dire quelli compresi tra 0 e 160 g/Km e con quotazioni medie di mercato inferiori ai 25.000 euro. Per accedere a questo incentivo è necessario rottamare un veicolo immatricolato prima di gennaio 2011.

Il bonus ottenibile varia a seconda delle emissioni del veicolo, ad ogni modo si va da un minimo di 750 euro sino ad un massimo di 2.000 euro. In attesa che vengano pubblicati i dettagli per godere degli incentivi, attualmente come anticipato non è ancora possibile usufruire del bonus per l’acquisto di auto usate.

Le iniziative per evitare l’impasse

Per ovviare al problema e consentire ai consumatori di godere comunque di vantaggi economici per l’acquisto dell’usato, le aziende stanno mettendo in campo progetti singoli e spesso sorprendenti come Facile.it e MiaCar, che hanno deciso di lanciare il Summer Black Friday, portando nel mondo dell’auto i vantaggi tipici dell’evento che negli ultimi anni ha conquistato i consumatori italiani.

Nello specifico, l’iniziativa, che durerà per tutto il mese di agosto ed è valida su oltre 500 vetture, prevede uno sconto extra, che arriva fino a 1.000 euro e cumulabile con gli incentivi statali, sull’acquisto di auto nuove, a km0 e usate.

Gli incentivi per il nuovo

La fetta più grossa degli incentivi statali, vale a dire 200 milioni di euro, è stata destinata all’acquisto o locazione finanziaria di auto nuove a benzina o gasolio con basse emissioni, vale a dire tra 61 e 135 grammi di CO2 al chilometro e prezzo di listino fino a 40.000 euro.

60 milioni, invece, sono stati destinati all’acquisto di auto con emissioni tra 0 e 60 g/km, vale a dire veicoli elettrici e plug-in, e prezzo di listino inferiore ai 50.000 euro.

Il bonus varia a seconda delle emissioni di CO2 dell’auto acquistata e dalla presenza o meno di un veicolo vecchio da rottamare; in ogni caso gli sconti vanno da un minimo di 3.500 euro ad un massimo di 10.000 euro.