Draghi: “euro è irreversibile perché è forte e persone lo vogliono”

14 Giugno 2018, di Daniele Chicca

L’Italia, uno dei paesi più vulnerabili per via del suo debito enorme e delle incertezze politiche, ha probabilmente messo in imbarazzo Mario Draghi durante la riunione del board della Bce e lo ha fatto quando ha preso la parola davanti ai giornalisti durante la consueta conferenza stampa.

A chi gli chiedeva della minaccia dei partiti populisti e dell’idea iniziata a diffondersi tra gli economisti della Germania, secondo cui andrebbe data agli Stati membri la possibilità di abbandonare l’euro, Draghi ha precisato che “l’euro è irreversibile perché è forte e perché le persone le vogliono”. In concreto, “nessuno ne mette in discussione la sopravvivenza”. Il governatore della Bce ha esortato tuttavia le autorità politiche a fare progressi nel processo di creazione di un’unione bancaria.