Di Maio: “Dl dignità al voto senza la fiducia”

30 Luglio 2018, di Alessandra Caparello

Non ci sarà necessità del voto di fiducia sul decreto dignità. A dirlo il ministro del lavoro Luigi Di Maio intervenendo su Omnibus La7.

“Credo che questa settimana riusciremo a votarlo senza la fiducia”.

Le commissioni Finanze e Lavoro di Montecitorio hanno licenziato il provvedimento con alcune modifiche alla stretta sui contratti a termine recependo in parte le richieste pervenute dalle associazioni datoriali che spiega il ministro:

“Chi fa un nuovo contratto aderisce alla nuova disciplina con il massimo di 24 mesi. Chi ha un contratto in essere fino al 31 ottobre potrà continuare con la vecchia disciplina, quindi si arriva a 36 mesi”.