Mutui banche, tassi ai minimi da 70 anni

6 Aprile 2016, di Daniele Chicca

I tassi del settore creditizio sono scivolati su valori che non si vedevano dalla fine degli Anni 40. Il calo degli interessi che le banche europee chiedono ai clienti nel mercato immobiliare ha subito una ulteriore accelerazione in marzo, mese durante il quale la Bce ha varato nuove misure di stimolo monetario.

Secondo uno studio di Crédit Logement/CSA pubblicato ieri, i tassi del settore concorrenziale si sono attestati all’1,97% in media il mese scorso contro il 2,09% del mese di febbraio. Si parla dei valori medi, prendendo in considerazione tutte le durate e scadenze. A gennaio erano posizionati al 2,15%, mentre il mese ancora prima valevano il 2,20%. Il trend al ribasso è evidente, con i tassi che sono scesi dello 0,23% in appena tre mesi di tempo.

Per accedere alla proprietà di case nuove, sono sufficienti il 2,12% di interessi, contro l’1,92% del mese precedente. “Il calo che era già stato rapido nei primi mesi del 2016, ha subito un’accelerazione notevole a marzo”, scrive l’Osservatorio in un comunicato, in cui si precisa che si tratta dei minimi da circa 70 anni. Su quindici anni i tassi da versare alle banche sono delll’1,8%, su venti del 2,10%, e su 25 del 2,3%.