Consob: “banca Etruria non ha ingannato i risparmiatori”

21 Dicembre 2015, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Nell’occhio del ciclone per il recente salvataggio e per la presenza al suo interno di nomi illustri (vedi padre e fratello del ministro per le riforme Maria Elena Boschi), a “difendere” Banca Etruria è oggi la Consob.

In una nota sulla presunta autorizzazione nel dicembre 2013 alla pubblicazione dei prospetti informativi di emissioni di obbligazioni subordinate, la Consob afferma:

“Le ricostruzioni di stampa forniscono un quadro fuorviante e non rispondente alla realtà (…) tutte le informazioni di vigilanza su Banca Etruria a disposizione di Consob sono confluite nella documentazione di pubblico dominio diffusa dalla banca (..) Non sono state omesse ai risparmiatori informazioni rilevanti”.