Confindustria taglia stime PIL: pesa l’incertezza

27 Giugno 2018, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Il clima di incertezza pesa sulla crescita dell’Italia che rallenta con il Pil all’1,3% nel 2018 e all’1,1% nel 2019. A dirlo il Centro Studi di Confindustria nel suo ultimo Documento di Economia e Finanza in cui taglia le stime di crescita dell’economia italiana.

“Nel biennio di previsione la crescita italiana è soggetta a vari rischi, prevalentemente al ribasso. Il contesto internazionale sta divenendo più denso di incognite e vulnerabile a diversi fattori di incertezza. In primis le misure protezionistiche derivanti dalla politica commerciale statunitense che, nel caso di un ulteriore inasprimento, potrebbero portare a un rallentamento ancor più significativo delle esportazioni italiane. Poi le modalità del rientro dalla politica monetaria ultraespansiva della Banca Centrale Europea, che condurranno alla risalita dei tassi di interesse dal 2019, con effetti restrittivi sui bilanci di famiglie e imprese”.