Citi: le banche francesi cederebbero il 25% se vincesse Le Pen

15 Marzo 2017, di Alberto Battaglia

La vittoria di Marine Le Pen nelle elezioni presidenziali francesi sarebbe un disastro per le azioni bancarie del Paese: lo ha scritto Citigroup prefigurando un crollo del 25%. “I sondaggi hanno sbagliato in passato”, scrivono gli analisti di Citigroup in una nota, ragione per cui l’eventualità di una vittoria finale per la leader del Front National non può essere esclusa.
In particolare, aspettandosi ragionevolmente che una vittoria di Le Pen possa penalizzare il prezzo dei titoli di stato francesi, andrebbe messo in conto la svalutazione delle quote attualmente in pancia alle banche transalpine.
Fra i titoli più esposti, secondo Citigroup, ci sarebbero Societe Generale, che potrebbe perdere il 38% del valore di mercato nel caso in cui Le Pen arrivasse all’Eliseo; Bnp Paribas, che potrebbe perdere il 23%; Credit Agricole (30%) e Naxitis (34%).