Catalogna, le possibili reazioni di euro e mercati al voto del parlamento

10 Ottobre 2017, di Daniele Chicca

Alle 18 il parlamento della Catalogna dovrebbe dichiarare l’indipendenza, una decisione che il governo spagnolo non accetterà e che potrebbe far finire in manette il presidente della regione secessionista. Secondo gli analisti di Credit Agricole una maggioranza in favore dell’autodeterminazione potrebbe portare Madrid a sospendere l’autonomia catalana e scatenare un’ulteriore escalation delle tensioni politiche.

Una crisi costituzionale del genere “renderebbe vulnerabile l’euro“, ma questo non è il solo esito possibile. “Ci aspettiamo un rafforzamento dell’euro nel caso in cui non sia un sostegno sufficiente all’indipendenza nel voto del parlamento della Catalogna. Una riduzione dei rischi politici in area euro consentirebbe agli investitori di focalizzarsi sui dati e fondamentali economici in miglioramento”, dice la banca francese in una nota. Sembra questo secondo scenario quello scontato dalla maggioranza degli operatori di mercato, visto che al momento sul valutario l’euro scambia in rialzo di quasi lo 0,6% sopra quota 1,18 dollari (+0,59% a $1,1809).