Caso Valeant: corsa contro il tempo per scongiurare default

30 Marzo 2016, di Daniele Chicca

Continua la soap opera sul caso Valeant. I titoli del colosso farmaceutico salgono di quasi mezzo punto percentuale a Wall Street attestandosi in area 29 dollari dopo i forti ribassi del -7% di ieri. Valeant Pharmaceuticals International ha detto di essere in procinto di stringere un accordo con i creditori per evitare il default.

La compagnia canadese, che a metà marzo ha riportato perdite inattese e ha messo in guardia contro il possibile crac dei propri bond, cosa che potrebbe minare la capacità di indebitamento del gruppo, ha chiesto ai creditori di prorogare la scadenza per la presentazione del bilancio annuale 2015 (due settimane fa ha presentato conti preliminari non verficati). La scadenza sarebbe per il 29 aprile, ma Valeant vorrebbe che fosse spostata al 31 maggio.

La società, che rischia con il default di scatenare un effetto a catena, ha anche chiesto che sia posticipata dal 14 giugno al 31 luglio la scadenza per presentare i conti del primo trimestre 2016. L’accordo proposto ai creditori prevede anche limitazioni su eventuali future acquisizioni e sul pagamento di dividendi e richiede “margini di sicurezza addizionali sui covenant finanziari”.