Canone Rai: doppio pagamento per le partite IVA

12 Luglio 2017, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – In queste ultime settimane i professionisti titolari di partita Iva stanno ricevendo delle lettere da parte della Rai con cui si chiede il pagamento del canone Tv.

Si tratta del cosiddetto canone Rai speciale, quello richiesto per la detenzione di uno o più apparecchi atti o adattabili a ricevere trasmissioni radiotelevisive in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare indipendentemente dall’uso che se ne fa.

Ebbene da viale Mazzini arrivano le lettere con cui si chiede ai professionisti anche  a quelli che hanno la sede legale della propria attività presso il proprio domicilio e quindi già pagano il canone Rai mediante addebito diretto nelle bolletta della luce.

Secondo l’ADUC, l’associazione dei consumatori però quasi nessuno dei titolari di partita Iva deve pagare il doppio canone e questo perché se la Tv di casa non viene utilizzata per l’attività lavorativa non c’è necessità di pagare l’imposta.