Brexit a un punto morto, la sterlina cede lo 0,6%

12 Ottobre 2017, di Alberto Battaglia

Mentre i negoziati fra Ue e Regno Unito sulla Brexit procedono senza dare gli sviluppi sperati. Al termine della quinta seduta di negoziati il responsabile Ue, Michel Barnier ha ribadito che i britannici non sono pronti a rispettare gli impegni finanziari legati al famoso “conto del divorzio”: “Pertanto non ci sono state trattative su questa materia”, ha chiarito Barnier.
“Su questo punto”, il saldo da pagare a carico di Londra, “abbiamo raggiunto un punto morto assai disturbante per migliaia di promotori di progetti in Europa ed è frustrante anche per i contribuenti ha detto Barnier”.
Sulla spinta di questi commenti negativi, che renderebbero più probabile un’uscita traumatica del Regno Unito dall’Ue, la sterlina ha perso terreno e al momento si trova a quota 0,90135 euro, con un rafforzamento di quest’ultimo dello 0,44% (il massimo odierno è stato a 0.903315 euro)