BP-BPM: “Se Bce chiede aumento capitale, la fusione salterà”

26 Febbraio 2016, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – A rischio la fusione tra le banche popolari BP-BPM. Lo afferma lo stesso Pierfrancesco Saviotti, in una intervista rilasciata al Messaggero. Se la Bce dovesse infatti chiedere un aumento di capitale, la fusione, sottolinea Saviotti, “non si fa più”.

“Il Banco Popolare è nelle condizioni di proseguire per la sua strada stand alone e Saviotti non va via. Speriamo che una volta per tutte non debba più leggere sui giornali di ipotesi, scogli e rischi aumento”.

Ancora:

“Voglio essere chiaro una volta per tutte. Io ci metto la faccia: non ci sarà nessun aumento perché non ce n`è bisogno, lo abbiamo detto con chiarezza io e Castagna”.