Borse in difficoltà su pessimismo intorno alla guerra commerciale

21 Gennaio 2019, di Daniele Chicca

Sulle contrattazioni di Borsa pesa il pessimismo sulla guerra commerciale sino americana. Le Borse europee e i future sull’azionario Usa scambiano in calo dopo la delusione per il Pil cinese e dopo le indiscrezioni di Bloomberg secondo cui Pechino e Washington non hanno fatto molti progressi sulla questione delle concessioni che gli Usa potrebbero fare alla Cina.

Si tratta di una novità che va decisamente controcorrente rispetto alle notizie che hanno spinto in rialzo le Borse venerdì scorso circa la proposta Usa di ritirare i dazi imposti sin qui sui prodotti cinesi e l’offerta del Dragone di ridurre il surplus commerciale a zero a partire dal 2024. Nel giorno in cui Wall Street è chiusa per il Martin Luther King Day, i contratti sull’S&P 500 perdono circa lo 0,32% al momento, mentre in Europa Piazza Affari cede lo 0,57%.

Sul fronte obbligazionario secondario, lo Spread tra i Btp e i Bund decennale peggiora, toccando i +252 punti base, con un aumento di 5 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del Btp decennale pari al 2,77%.