Bond, come coprirsi dal rischio di un rialzo dei tassi

18 Gennaio 2017, di Daniele Chicca

È importante coprirsi dal rischio di un rialzo dei tassi della Fed, reso molto probabile dalle manovra di Trump di maxi stimolo fiscale e investimenti nelle infrastrutture, che tenderanno a far tornare l’inflazione con prepotenza. Dall’altro lato, è anche fondamentale coprirsi contro il rischio che i tassi restino bassi a lungo.

“Se i tassi restano su livelli contenuti o comunque salgono con cautela, gli investitori a caccia di rendimenti potrebbero investire una parte del loro portafoglio obbligazionario in titoli del reddito fisso a medio termine che garantiscono ritorni da investimento validi“. A dirlo è Paul Jacobs, chief investment officer della società di pianificazione finanziaria Palisades Hudson Financial.

L’obiettivo della Federal Reserve è quello di alzare gradualmente i tassi di riferimento nel 2017 e oltre, senza interrompere la fase di crescita economica, sulla falsa riga di quanto si è visto nel 2004-2006. Secondo gli analisti si tratta di una possibilità molto concreta. Negli Stati Uniti l’inflazione è stata in media del 3% se si guarda alle serie storiche e la Fed punta a fare arrivare i tassi Fed Funds intorno a questi livelli.

I tassi a medio termine dovrebbero stabilizzarsi poco sopra quei livelli, il che compenserebbe per il rischio addizionale corso dagli investitori che decidono di comprare debito per un periodo più lungo di tempo. Ma non c’è margine di errore e il rischio di mancare i propri obiettivi è alto. Il rischio di un bel balzo dell’inflazione resta elevato, infatti, e gli investitori che si aspettano di vedere un ritorno dell’inflazione farebbero meglio ad adattare i propri portafogli di conseguenza per tempo, perché altrimenti potrebbero non essere in grado di reagire prima che sia tardi.

Gli investitori nel mercato obbligazionario, in breve, secondo il consulente finanziario dovrebbero sperare il meglio ma prepararsi al peggio.