Blockchain contro le truffe: nasce la Carta d’identità digitale del diamante

25 Febbraio 2019, di Alessandra Caparello

La truffa della vendita di “diamanti da investimento” che ha coinvolto migliaia di risparmiatori si poteva evitare grazie alla blockchain. A dirlo Andrea Tortorella, CEO di Consulcesi Tech, hi-tech company di Consulcesi Group, presentando un nuovo progetto, la “carta di identità digitale del diamante”, un codice univoco a prova di falsificazione che garantisce la qualità, la provenienza e la liceità dei diamanti.

In questo modo – assicura Tortorella – non ci saranno più dubbi o timori di essere frodati poiché al momento dell’acquisto ogni brillante sarà corredato di un file digitale contenente le informazioni su dove è stato estratto, dove è stato tagliato e quale percorso ha compiuto».

Consulcesi Tech fa sapere inoltre di aver stipulato un accordo con Diamondschain, marketplace di scambio tra diamanti e criptovalute che consente di ottenere un bene reale in un contesto caratterizzato dall’immaterialità della moneta digitale. Anche in questo caso fondamentale è il contributo della Blockchain. “Il deposito di diamanti certificati avverrà infatti attraverso la sottoscrizione di Smart Contract. Un’ulteriore garanzia per gli acquirenti, che avranno la certezza di operare in totale sicurezza e trasparenza, al riparo da truffe e raggiri” si legge nella nota.