Bitcoin, leva finanziaria ha avuto un grosso ruolo nell’ultimo crollo del Bitcoin

25 Maggio 2021, di Alberto Battaglia

Il crollo sperimentato dal Bitcoin la scorsa settimana, arrivato al 30%, sarebbe stato alimentato dalla chiusura di massicce posizioni a leva. Alcuni exchange, in particolare asiatici come BitMEX, consentono di moltiplicare la propria esposizione alle criptovalute fino a 100 volte; come ogni investimento basato su una leva finanziaria, se l’investimento va in rosso oltre una certa soglia, scatta la vendita obbligata delle posizioni.

Più sono consistenti le posizioni a leva, più i crolli possono farsi repentini. Questa la ricostruzione resa a Cnbc da Brian Kelly, ceo di Bkcm, secondo il quale la diffusione dell’investimento a leva contribuisce molto ad accentuare le fluttuazioni del Bitcoin.

Secondo bybt.com la scorsa settimana i trader in Bitcoin avrebbero liquidato posizioni a leva per 12 miliardi di dollari, con la chiusura di circa 800mila conti in criptovaluta.