Bitcoin e criptovalute: nuove norme UE potrebbero compromettere la salita

6 Ottobre 2017, di Daniele Chicca

Il mercato delle criptovalute è incrementato di prezzo negli ultimi due giorni, ma la corsa potrebbe interrompersi nel medio termine. Il Ripple viene da un’ottima giornata, forte di un rialzo di oltre il 10%, mentre il Bitcoin ha guadagnato cinque punti percentuali in appena 24 ore e oggi fa segnare un progresso del +1,5% circa a 4.381,46 dollari. Oggi il Ripple avanza al momento di quasi il 3,5% a 0,239843 dollari, mentre l’Ethereum è tornato a scambiare sopra i 300 dollari. Si tratta di un mercato molto volatile, anche perché poco liquido e nei prossimi giorni c’è da stare in guardia, secondo Mati Greenspan, market analyst di eToro. 

Le autorità di regolamentazione dell’Unione Europea stanno infatti prendendo in considerazione l’introduzione di un quadro normativo più restrittivo, che secondo Greenspan “potrebbe ostacolare la crescita degli asset basati sulla tecnologia blockchain. Al contrario, una delle maggiori società finanziarie del Brasile ha annunciato che intende permettere ai propri clienti di fare trading sul Bitcoin. In Giappone, dove il Bitcoin è stato completamente legalizzato a partire da aprile, il fornitore di energia Remixpoint consentirà ai propri clienti il pagamento in Bitcoin. Una mossa strategica, non tanto per i clienti retail quanto per le aziende, non più tenute così a pagare significative commissioni”.

La prova da inizio anno del Bitcoin (Coinmarketcap.com)