Banco Popolare: Consob vieta speculazioni al ribasso dopo -14% di ieri

18 Marzo 2016, di Daniele Chicca

Le vendite allo scoperto sul titolo Banco Popolare sono momentaneamente vietata. Lo ha stabilito la Consob con un provvedimento datato 17 marzo, il quale entrerà in vigore per l’intera seduta di Borsa di oggi sul mercato MTA di Borsa Italiana. Il divieto è stato adottato in applicazione dell’articolo 23 del Regolamento comunitario in materia di “Short Selling”, tenuto conto della variazione di prezzo registrata dal titolo nella giornata del 17 marzo 2016 (superiore alla soglia del 10%).

A pesare sull’andamento ribassista dei titoli era stata la lettera della Bce propedeutica alla fusione con Pop Milano in cui venivano chiesti chiarimenti sui crediti deteriorati in portafoglio. La paura che l’operazione tra le due popolari potrebbe così saltare ha innervosito gli investitori. Il divieto riguarda le vendite allo scoperto assistite dalla disponibilità dei titoli. Con ciò viene estesa e rafforzata la portata del divieto di vendite allo scoperto nude, già in vigore per tutti i titoli azionari dal primo novembre 2012.