Banche contro corrente in Italia, estesa garanzia pubblica su sofferenze

9 Marzo 2017, di Daniele Chicca

Le vendite colpiscono anche Piazza Affari in una seduta negativa per l’Europa dopo i cali di Wall Street. Gli ordini di Sell nella mattinata sono concentrati soprattutto su petroliferi e alcuni singoli titoli come STM, mentre il comparto bancario si muove in controtendenza con un progresso di circa mezzo punto percentuale (indice settoriale italiano) aspettando la trimestrale della terza banca d’Italia, il travagliato istituto del credito Monte dei Paschi di Siena.

Ad aiutare il settore delle banche sui mercati (segui live blog di Borsa) sono le dichiarazioni di Fabrizio Pagani, capo della segreteria tecnica del Tesoro, il quale ha fatto sapere che sono in corso delle trattative con la Commissione Europea per estendere di altri 18 mesi la garanzia pubblica sulla cartolarizzazione delle sofferenze bancarie (Gacs) in scadenza questa estate. Intesa SanPaolo, Unicredit e Mediobanca sono tra le banche più richieste in Borsa all’interno del comparto, con rialzi di anche lo 0,7-0,8% al momento.