Banche: a Piazza Affari si esaurisce euforia per salvataggio venete

27 Giugno 2017, di Daniele Chicca

I titoli delle banche italiane retrocedono oggi a Piazza Affari dopo che il governo ha sborsato 17 miliardi per salvarle. Il Tesoro pagherà 4,8 miliardi di euro in contanti e fornirà 12 miliardi di garanzie alle due banche venete in modo che Intesa Sanpaolo possa comprare le parti in salute – nella forma di una good bank – delle due banche venete in crisi patrimoniale, Veneto Banca e Pop Vicenza.

Senza Intesa Sanpaolo, ha spiegato il Ceo della prima banca d’Italia per capitalizzazione, Carlo Messina, lo Stato avrebbe perso 10 miliardi di euro in garanzie. La stessa Intesa vede le azioni arretrare dello 0,3% in avvio di seduta dopo il +3% messo a segno ieri. Gli analisti reputano favorevoli le condizioni dell’intervento di Intesa Sanpaolo nell’ambito della liquidazione coatta delle banche venete.