Banca Etruria: perquisite 14 società che hanno ricevuto fondi

8 Gennaio 2016, di Daniele Chicca

Le Fiamme Gialle hanno eseguito una serie di perquisizioni nelle sedi di 14 aziende che hanno ricevuto finanziamenti da Banca Etruria. I finanzieri del Nucleo di polizia valutaria hanno operato nell’ambito dell’inchiesta della procura di Arezzo sull’istituto regionale.

Le società, attive nella costruzione edilizia e nella compravendita di beni, sono riconducibili a Lorenzo Rosi, ex presidente della banca toscana salvata dal governo con decreto, e all’ex consigliere Luciano Nataloni. Da quando è stata dichiarata insolvente dal commissario liquidatore, Banca Etruria può essere indagata per i reati di bancarotta e truffa ai risparmiatori.