Banca di Francia avverte: fondamentale rispettare tetto del deficit

20 Settembre 2016, di Alberto Battaglia

Il governatore della banca centrale della Francia, Francois Villeroy de Galhau, ha sottolineato l’importanza del rientro del deficit per il Paese, visto che da esso dipende parte della credibilità del governo nel concerto europeo. “Tutti i partner europei si aspettano che il nostro deficit sia sotto il 3% nel 2017: se vogliamo essere sentiti e ascoltati” raggiungere questo obiettivo “è una condizione centrale per la nostra credibilità e la nostra influenza in Europa”, ha detto il governatore.
Secondo le stime dell’Eliseo il rapporto deficit/Pil tornerà al di sotto del 3% solo nel 2017, mentre per l’anno in corso è previsto al 3,3%. In vista delle prossime elezioni presidenziali, che si terranno l’anno prossimo, diversi candidati potranno fare leva sulle richieste restrittive di Bruxelles per ostacolare la rielezione di Francois Hollande.