Autorità Agcom: Renzi prezzemolino, da limitare sua presenza in Tv

20 Ottobre 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Un Matteo Renzi sempre più onnipresente nelle televisioni degli italiani tanto che l’Agcom ha dovuto bacchettare Rai, Mediaset, Sky e La7.

In vista del referendum del 4 dicembre prossimo, secondo l’Autorità il premier ha parlato per oltre otto ore (di cui quasi cinque in Rai, quasi tre a Mediaset) in meno di venti giorni. Molti tg inoltre si sono dimostrati favorevoli alla riforma del governo, come il Tg2, il Tg1, Rai News, Studio Aperto e rete quattro, mentre il più imparziale è il Tg5.  Si schiera invece a favore del No La7. Nel suo comunicato l’Agcom scrive:

“Si ravvisa l’esigenza di limitare la presenza dei rappresentanti del Governo e del Presidente del Consiglio alla necessità di assicurare la completezza e l’imparzialità dell’informazione (ex legge 515/93) – fatta salva l’attualità della cronaca e dell’agenda politica – dall’altra, quella di garantire un adeguato contraddittorio tra le diverse forze politiche. Conseguentemente, l’Autorità ha adottato dei provvedimenti di richiamo nei confronti di Rai, Mediaset, Sky e La7”.