12:59 lunedì 16 Novembre 2015

Attacchi Parigi, Bce: “Fiducia a rischio”

Anche la Bce si unisce alla schiera di analisti preoccupati che la fiducia degli investitori, già compromessa dalla crisi dei mercati emergenti e dalle prospettive di un rialzo dei tassi di interesse in Usa, possa uscire ulteriormente ridimensionata dagli attacchi terroristici a Parigi.

Gli ultimi eventi di geopolitica potrebbero danneggiare la fiducia degli investitori, secondo il vice presidente della Bce Vitor Constancio. “Possono aggravare tutti i problemi che già stiamo affrontando” ha risposto Constancio a una domanda circa le conseguenza dei fatti di venerdì sera.

“I mercati, finora, stanno mantenendo la calma” ha affermato il banchiere vice di Mario Draghi, aggiungendo tuttavia che gli attacchi potrebbero portare a eventi capaci di compromettere la fiducia degli investitori. “I prossimi eventi potrebbero avere un impatto sulla fiducia e potenzialmente sull’avversione al rischio”.

 

Breaking news

21/05 · 17:39
Piazza Affari chiude a -0,6%, Saipem sugli scudi (+4%)

Finale negativo a Piazza Affari, con Saipem in controtendenza. A Wall Street focus sulla Fed in attesa delle minute e dei conti di Nvidia

21/05 · 16:29
Wall Street, apertura cauta: S&P -0,15%

Apertura poco mossa dei mercati a Wall Street in attesa della trimestrale di Nvidia e dei verbali della Federal Reserve.

21/05 · 15:30
Nintendo acquisisce lo sviluppatore di videogiochi Shiver Entertainment

Il colosso giapponese dei videogiochi Nintendo ha annunciato l’acquisto dello sviluppatore americano Shiver Entertainment da Embracer Group, con impatto minimo sui risultati finanziari dell’anno fiscale in corso.

21/05 · 15:29
Petrolio, prezzi in calo: Brent a -1,42%, WTI scende dell’1,59%

I futures sugli indici petroliferi registrano un calo a causa delle previsioni di tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti per un periodo prolungato, influenzati dall’inflazione persistente. Il Brent e il WTI hanno visto una diminuzione, mentre la Federal Reserve attende segnali più chiari di un rallentamento dell’inflazione prima di considerare riduzioni dei tassi.

Leggi tutti