Allarme Inps, Boeri: “Boom di pensioni all’estero, un’anomalia”

19 Luglio 2017, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Le pensioni all’estero sono un’anomalia. A dirlo il presidente dell’Inps Tito Boeri secondo cui lo scorso anno sono state pagare 373mila prestazioni previdenziali fuori dall’Italia in 160 paesi.

“Si tratta di un’anomalia visto che non c’è un quadro di reciprocità. Le prestazioni assistenziali pagate all’estero vanno a ridurre gli oneri di spesa sociale di altri Paesi, è quindi come se il nostro Paese operasse un trasferimento verso altri senza avere un ritorno in consumi”.

E il 2017 non si preannuncia diversamente visto che, continua Boeri, a seguito degli interventi la spesa per le 14esime sarà raddoppiata.