A Wall Street tornano le nubi, peggiore settimana da gennaio

25 Marzo 2019, di Mariangela Tessa

A Wall Street torna il pessimismo. Venerdì scorso i principali indici hanno archiviato la seduta in forte calo, la peggiore da gennaio, chiudendo una settimana in perdita.

I timori di una frenata dell’economia, e magari di una recessione, hanno pesato sull’umore degli investitori. A riaccenderli è stata l’inversione della curva dei rendimenti dei titoli di stato Usa, colpa di dati giunti sia dall’Europa sia dagli Stati Uniti e che hanno dimostrato la debolezza del settore manifatturiero. Per la prima volta dal 2007, il rendimento del titolo a tre mesi offre di più (il 2,459%) di quello del decennale (al 2,441%).

Nel finale. il DJIA ha ceduto l’1,8% a quota 25.503 circa. L’S&P 500 ha perso l’1,9% a quota 2.800,7. Il Nasdaq Composite ha segnato un -2,5% a quota 7.642. Un euro compra 1,1298 dollari (-0,7%).