NEW YORK: PERDITE RECORD PER NASDAQ (-5,6%) E DOW

4 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Sempre piu’ pesante il clima generale a Wall Street, con il mercato azionario che ha chiuso la seconda seduta del 2000 in forte ribasso. Massicci ordini di vendita (che si sono accentuati verso la fine della giornata, il che non promette nulla di buono per domani) hanno portato a un calo record del Nasdaq, il 5,57% – il peggiore dal crollo dei tecnologici del 31 agosto 1998 e il peggiore in assoluto in punti – e a netti ridimensionamenti di prezzo per il Dow Jones (che ha chiuso in discesa di quasi 360 punti, circa -3,1%) e per lo S&P 500, che ha subito un tonfo di quasi il 4,0%. Per il Dow Jones si tratta del quarto peggior ribasso in assoluto.

Gli ordini ”sell” hanno superato di gran lunga i ”buy”. Pesantemente vendute alcune delle blue chips dell’internet e del settore computer/informatico, tra cui in prima linea Qualcomm (vedere QCOM, quotazioni interattive), che era salita in modo del tutto spropositato nelle scorse settimane. Oggi non si sono trovati compratori per quello che era il titolo piu’ caldo del Nasdaq.

Sono scese dagli alti livelli dei giorni scorsi anche Microsoft (MSFT), Cisco System (CSCO), Dell (DELL), Yahoo! (YHOO), Compaq (CPQ), America Online (AOL). Deboli soprattutto tutti i titoli finanziari, con forti perdite per American Express (APX), Morgan Stanley Dean Witter (MWD), Citigroup (C), J.P. Morgan (JPM), Bank of America (BAC).

In negativo anche gli indici Dow Jones e Standard & Poor’s 500. Il Dow e’ stato trascinato al ribasso dai cali di (MSFT), General Electric (GE), e in modo particolare Hewlett-Packard (HP), American Express e J.P. Morgan (JPM). Tra i pochi titoli in controtendenza Disney (DIS), dopo l’upgrading stamattina di una banca d’affari, Sears Roebuck (S) e Coca-Cola (KO), che e’ rimasta piu’ o meno invariata.

(VEDERE CHIUSURE INDICI DOW JONES, STANDARD & POOR’S 500 E NASDAQ IN PRIMA PAGINA).

Ovviamente, come si era gia’ capito ieri, ha pesato sul mercato americano la situazione sul fronte dei tassi d’interessi, anche se, per la verita’, oggi l’obbligazionario ha visto una ripresa dei prezzi per il titolo del Tesoro Usa a 30 anni, fissato alla fine al 94,69, il che ha fatto scendere il rendimento al 6,53, ripsetto ai massimi assoluti toccati in mattinata del 6,60%.

La realta’ e’ che i prezzi a Wall Street avevano bisogno di un ridimensionamento. E il calo del 5,6% del Nasdaq di oggi e’ nulla rispetto al rialzo dell’86% messo a segno nel 1999. Prima di parlare di una ”correzione”, quindi, i prezzi devono ancora scendere parecchio.

Che il clima sia cambiato, in questo primo scorcio del 2000, lo si deduce anche dal diverso atteggiamento delle banche d’affari riguardo al futuro del mercato azionario. La Salomon Smith Barney, per esempio, ora consiglia i propri clienti di aumentare la parte in cash nel portafoglio dal 5 al 10%, riducendo di conseguenza l’esposizione azionaria dal 60 al 55%. Resta immutata la parte in obbligazioni, al 35%.

Ma ecco la lista dei 10 titoli piu’ trattati al New York Stock Exchange (dati delle 14:00) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare grafici e price/earnings su QUOTAZIONI INTERATTIVE):

(CPQ) Compaq Computer Corporation 19,316,900 28.813 -2.188 -7.06%;

(AOL) America Online, Inc. 19,067,300 78.875 -4.125 -4.97%;

(C) Citigroup Inc. 13,194,100 50.313 -2.688 -5.07%;

(DIS) Walt Disney Company 11,388,800 31.063 +1.188 +3.97%;

(PFE) Pfizer Inc 10,085,600 31.000 -0.875 -2.75%;

(BAC) Bank of America Corporation 10,056,200 45.563 -2.875 -5.94%;

(MO) Philip Morris Companies Inc. 8,025,600 23.750 +0.313 +1.33%;

(TYC) Tyco International Ltd. 7,956,300 36.375 -1.563 -4.12%;

(LU) Lucent Technologies Inc. 7,116,700 75.250 -1.875 -2.43%;

(BMY) Bristol-Myers Squibb Company 6,966,200 60.313 -4.125 -6.40%.

Ed ecco la lista dei 10 titoli piu’ trattati al Nasdaq (dati delle 14:10) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare price/earnings e grafici su QUOTAZIONI INTERATTIVE):

(PMTC) Parametric Technology Corporation 30,921,200 19.063 -6.063 -24.13%;

(DELL) Dell Computer Corporation 26,642,200 47.813 -3.063 -6.02%;

(QCOM) QUALCOMM Incorporated 23,365,300 166.125 -13.188 -7.35%;

(ORCL) Oracle Corporation 20,415,400 108.938 -9.188 -7.78%;

(MSFT) Microsoft Corporation 18,910,800 115.438 -1.125 -0.97%;

(INTC) Intel Corporation 18,464,900 85.750 -1.250 -1.44%;

(WCOM) MCI WorldCom, Inc. 16,618,800 50.000 -1.938 -3.73%;

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 15,865,600 104.250 -3.813 -3.53%;

(SUNW) Sun Microsystems, Inc. 14,536,100 73.000 -3.500 -4.58%;

(AMZN) Amazon.com, Inc. 13,121,300 84.938 -4.438 -4.97%.

(articolo in fase di aggiornamento)