New York: la nuova prossima bolla immobiliare

21 Maggio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Si appresta a diventare il complesso residenziale piu’ alto dell’intero emisfero occidentale – Emirati Arabi e Cina esclusi, dunque. E visti i prezzi, un’altra cosa e’ ormai certa: il gigantesco e avveniristico palazzo che sta per vedere la luce a New York ospitera’ solo ricconi e abbienti.

Fino a dieci anni fa, gli appartamenti di grande lusso erano confinati a Park avenue e sulla Quinta. Ora si riscontra un balzo della domanda per i condomini con vista “dall’elicottero”. Un monolocale nel nuovo edificio avveniristico da 84 piani, al numero 432 di Park avenue, a Manhattan, per esempio, costa $3,9 milioni.

Ogni volta che qualcuno e’ pronto a pagare $95 milioni per un appartamento da un piano solo, $44,8 milioni per un appartamento con 4 camere letto e 10 milioni per uno con due stanze da letto, sotto la superficie ribolle persino qualcosa di piu’ di una semplice bolla immobiliare.

Lo spiega bene al New York Times Rafael Viñoly, l’architetto che ha disegnato il progetto della Torre all’incrocio con la 56esima strada. “Ci sono solo due mercati, quello del mega lusso e l’immobiliare sovvenzionato dallo stato”.

La corsa alla costruzione di simili mostri immobiliari e’ la prova dell’enorme gap esistente tra ricchi e poveri a New York City, sottolinea James Parrott, chief economist del Fiscal Policy Institute, un’organizzazione di ricerca liberale, sostenuta dai sindacati. Il reddito medio delle famiglie, infatti, e’ calato dell’8% dal 2008.

“Il boom dei condomini di lusso a Manhattan, unito all’esplosione del numero di pignoramenti nel Queens e a Brooklyn, ci offre uno dei punti di vista di quanto il fenomeno della polarizzazione della ripresa si stia ingrandendo”.