Musk assente da Davos: “Wef è governo mondiale non eletto”

20 Gennaio 2023, di Alessandra Caparello

Torna sotto i riflettori il miliardario Elon Musk, che non partecipa al World Economic Forum (Wef) di Davos, l’incontro annuale dei dirigenti d’azienda e dei leader globali in Svizzera. Musk non era presente, anche se dice di essere stato invitato. Il portavoce del Forum Yann Zopf ha smentito invece questa affermazione affermando che l’ultima volta che il ceo di Tesla ha ricevuto un invito è stato “non quest’anno e non di recente – l’ultima volta nel 2015”. Gli organizzatori del Wef hanno invitato Musk, in qualità di capo di Tesla, a partecipare alcune volte negli anni 2010 – l’ultima nel 2015 – ma non si è mai registrato né ha partecipato all’incontro annuale, ha detto Zopf.

Musk assente da Davos: perché?

Certamente la sua assenza al Forum non è dovuta a questioni economiche. Il multimiliardario Musk, una delle persone più ricche del mondo, può certamente permettersi di partecipare a Davos. I membri del Forum pagano da 120.000 a 850.000 franchi svizzeri (da 130.000 a 921.000 dollari) per l’iscrizione annuale, a seconda del livello di affiliazione desiderato. Ma in ogni caso Mr Tesla ha colto l’occasione per criticare il World Economic Forum di Davos, dicendo che la gente è stanca di governanti non eletti:

“Il Wef sta diventando sempre più un governo mondiale non eletto che il popolo non ha mai chiesto e non vuole”.

Pochi giorni fa, Musk aveva anche dichiarato apertamente su Twitter: “Come fa il Wef/Davos a essere una cosa del genere? Stanno cercando di diventare i padroni della Terra?“. Musk non si è fermato qui e ha condotto un sondaggio su Twitter, chiedendo ai suoi milioni di follower se il Wef dovesse controllare il mondo. Tutto ciò ha mostrato chiaramente il suo disappunto nei confronti della conferenza, che dura ormai da anni. In settimana, Musk ha insultato ulteriormente il forum e lo ha paragonato alla bacheca online 4Chan, nota per aver generato teorie cospirative prive di fondamento.

“Dovrebbe esserci un gioco a premi: ‘4Chan o Davos, chi l’ha detto?”. Così Musk in risposta a un post di Substack dell’autore Michael Shellenberger e della giornalista Izabella Kaminska, in cui si parlava degli sforzi del World Economic Forum per combattere i teorici della cospirazione che credono che il forum sia progettato per dominare il mondo.

Musk ha anche risposto direttamente a un tweet dell’account ufficiale del World Economic Forum in cui si affermava che “la sovrappopolazione rimane una sfida globale”, contraddicendolo e sostenendo la sua ferma convinzione che il calo delle nascite rappresenti un grave problema per l’umanità. “Il collasso demografico è un problema esistenziale per l’umanità, non la sovrappopolazione!”, ha scritto. Non è la prima volta che il miliardario critica questo forum.

Proprio l’anno scorso, Musk ha definito il World Economic Forum noioso. “Il motivo per cui ho declinato l’invito a Davos non è stato perché pensavo che fossero impegnati in complotti diabolici, ma perché sembrava noioso da morire”, ha dichiarato in un tweet dello scorso anno.

Musk sotto accusa

Ma anche Musk attira numerose critiche. Věra Jourová, vicepresidente della Commissione europea per i Valori e la Trasparenza, in merito alle continue conseguenze dell’acquisizione di Twitter da parte del miliardario, ha dichiarato che “il tempo del Far West è finito”.

Parlando con Euronews Next al World Economic Forum di Davos, Jourová ha detto che il social media rischia sanzioni se non rispetta le nuove normative  dell’Ue che mirano a creare spazi digitali più sicuri. Alla domanda se l’Ue  avesse abbastanza potere per costringere le grandi piattaforme come Twitter a rispettare le nuove leggi, la Jourová ha risposto che non c’è “nulla di più forte della legislazione in vigore”.

“Avremo il Digital Services Act (DSA). Avremo il Codice di condotta come parte di questa legislazione”, ha detto Jourová. Quindi, dopo che Musk ha preso il controllo di Twitter con il suo “assolutismo della libertà di parola”, anche noi siamo i protettori della libertà di parola”. “Ma allo stesso tempo non possiamo accettare, ad esempio, contenuti illegali online e così via. Quindi, il nostro messaggio è stato chiaro: abbiamo delle regole che devono essere rispettate, altrimenti ci saranno delle sanzioni”, ha aggiunto.