Musica e finanza, da Woodstock a Wall Street: ecco i bond Bob Dylan

10 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo – pubblicato da La Stampa – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Roma – Dal grande prato di Woodstock ai piani alti della finanza: è una svolta radicale quella che si sta preparando ad affrontare la Sesac Inc. di Nashville, casa discografica “patria” di Bob Dylan e Neil Diamond. Gravata da seri problemi finanziari, per ripianare i debiti che rischiano di soffocare attività e creatività dei musicisti, sta valutando di emettere obbligazioni legate agli accordi di licenza, diritti di autore e pagamenti di royalty delle canzoni del “menestrello”, socio al 7%, e colleghi.

L’offerta – a cui Standard & Poor ha assegnato il rating BBB-, poco sopra il livello “spazzatura” -, fa gola a molti pretendenti, spiega il sito economico Bloomberg.

Goldman Sachs si è già guadagnata un posto in cima alla lista e ha lanciato la sua proposta: riuscire a collocare come private placement un bond da 300 milioni di dollari con scadenza a cinque anni, facendo leva sull’onda lunga dei rendimenti giunti ai minimi storici. Nessuna possibilità quindi per i fan di partecipare all’asta, riservata solo a clienti istituzionali. Parte del ricavato sarà utilizzato per colmare il buco accumulato dalla casa discografica, la restante sarà versata agli azionisti come dividendi.

L’idea non è nuova nel mondo della finanza. Già nel 1997 il “Duca bianco ” aveva lanciato obbligazioni targate David Bowie raccogliendo un capitale di 55 milioni di dollari sul mercato mobiliare americano. Un’iniziativa così brillante da indurre anche Rod Stewart e gli Iron Maiden a sbarcare in Borsa e la multinazionale giapponese Nomura Securities a creare addirittura una divisione specializzata impegnata collocazione di titoli imperniati sullo show business.

Per gli analisti, il momento scelto dalla Sesac Inc. per il grande salto è «particolarmente fortunato». Gli interessi rimangono ancora bassi e molti investitori, sperando di diversificare il proprio portfolio, stanno cominciando a interessarsi ad investimenti ad alto rischio e ad alto rendimento. Inoltre, mettere sul piatto il lavoro creativo dei propri artisti potrebbe rivelarsi una garanzia di impegno in più da parte delle aziende nel caso di un eventuale default.

Copyright © La Stampa. All rights reserved