Mps smaltisce npl: via alla cartolarizzazione

15 Ottobre 2017, di Giovanni Falcone

Mps: via alla cartolarizzazione di Npl

Ammontano ad oltre 26 miliardi di euro il monte sofferenze ovvero dei crediti deteriorati o insolvibili dei bilanci della più antica banca d’Italia, rappresentando da soli il 10% dello stock nazionale.

Il prezzo di cessione dei crediti pare aggirarsi al 21% del loro valore nominale, al netto delle ultime analisi in corso in questi giorni per avviare il trasferimento dei veicoli per la partenza effettiva della cartolarizzazione.

Sembra trattarsi della più grande operazione di cessione mai realizzata nel nostro Paese.

Se da una parte si assiste alla necessità di pulizia dei bilanci dell’Istituto senese, dall’altra si tratta di organizzare il nuovo board in conseguenza del salvataggio pubblico e quindi la nuova governance, nella strategia di crescita e nell’ottica di restituire credibilità sul mercato del credito.

Nel contempo, insieme ai tanti risparmiatori danneggiati dagli effetti del dissesto – ormai diventati azionisti dell’Istituto di credito – aspettiamo di conoscere l’esito dei lavori della Commissione Parlamentare d’inchiesta appena insediatasi.

La curiosità di conoscere i creditori insolventi, ovvero le modalità di erogazione delle diverse facilitazioni creditizie concesse negli anni, rappresenta una delle tante novità di fine legislatura.

I controlli interni ed istituzionali omessi, le inchieste della Magistratura e le eventuali interferenze della politica potrebbero essere state delle concause determinanti nel disastro vissuto.

Questa sarà una delle risposte che ci si aspetta dai lavori della Commissione, anche per restituire credibilità alla storia di un grande Istituto di credito e alla fiducia di milioni di risparmiatori.