Monete virtuali: altro che Bitcoin, la nuova star si chiama Monero

5 Settembre 2016, di Mariangela Tessa

MILANO (WSI) – Addio Bitcoin, la nuova star delle monete virtuali si chiama Monero. Usata principalmente nel mercato nero dello spaccio di droghe online, la valuta, in circolazione già da due anni, e ha più che quadruplicato il proprio valore nell’ultimo mese, dopo che alcuni siti che permettono lo spaccio di sostanze stupefacenti in forma anonima hanno iniziato ad accettarla come moneta virtuale.

Il successo si deve soprattutto a AlphaBay, uno dei siti più popolari dove acquistare Lsd liquido o cannabis ibrida, che ha da poco aperto da poco Monero, il cui circolante è immediatamente salito da 25 a 100 milioni di dollari.

“A seguito delle domande della community, e considerando le caratteristiche di sicurezza di Monero, abbiamo deciso di aggiungerlo al nostro paniere”, ha annunciato AlphaBay, sottolineando di attendersi “un balzo nel prezzo, quindi se siete investitori – invita il sito – è il momento giusto per acquistare Monero”.

Al momento Monero è solo in quinta posizione in termini di capitalizzazione di mercato fra le monete virtuali, ma, la sfida al leader del mercato è già lanciata.

Soprattutto perché il Bitcoin, la moneta digitale più usata al mondo con un circolante di 9,1 miliardi di dollari, ha visto diminuire la sua privacy e la sua sicurezza da Governi e investigatori privati, che hanno aumentato l’abilità nel tracciare i movimenti sul network.