Mondo: Auto, Ford e Toyota più vicine

18 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

“Una partnership con Ford sarebbe benvenuta se entrambe le parti convergono nell’interesse”. Lo dichiara ieri il presidente di Toyota, Katsuaki Watanabe, al quotidiano giapponese Nikkei.
Il numero uno del colosso nipponico, che a dicembre scorso si incontra con il presidente di Ford, Alan Mulally, intavolando colloqui preliminari, precisa che l’alleanza riguarderebbe lo sviluppo tecnologico, ma “non si esclude che possa estendersi a qualcosa di diverso della tecnologia ibrida”. Sui motori misti benzina-elettrici, Toyota ha già in piedi una collaborazione per la quale fornisce componentistica a Ford. Inoltre, rilascia alcuni brevetti al gruppo statunitense relativi ai filtri applicati sulle auto ibride.
Il portavoce di Toyota, Paul Nolasco, non conferma le dichiarazioni di Watanabe, limitandosi a osservare che rientra nell’ottica del gruppo considerare eventuali alleanze con altri costruttori “se risulta conveniente”. Watanabe dichiara anche nell’intervista l’intenzione di commercializzare intorno al 2010 una city-car a basso prezzo per i mercati emergenti, a cominciare dal Brasile, Russia, India e Cina.
Intanto il colosso nipponico stima che la sua avanzata sul mercato americano proseguirà anche quest’anno, con la previsione di un incremento vendite del 5,5 per cento, a 2,68 milioni di veicoli. Toyota afferma anche che grande contributo a questo incremento giungerà dal suo ridisegnato pick-up Tundra. Secondo i manager del gruppo nipponico ci sarà da attendersi comunque una riscossa dei grandi gruppi statunitensi, ovvero General Motors, Ford e Chrysler. Quest’anno dovrebbero infatti vedersi i primi frutti della ristrutturazione per uscire dalla crisi in cui tutti e tre i big dell’auto di Detroit sono impegnati.

d. r.