Migliorare la gestione delle proprie finanze, evitando gli sprechi. Ecco come fare

17 Dicembre 2019, di Mariangela Tessa

Come ogni anno, gennaio è il momento dei buoni propositi. Lontani dalla frenesia della routine quotidiana e si approfitta per mettere un po’ di ordine nella propria vita oltre a fissare qualche sano principio con cui trascorrere il resto dell’anno.

Ecco, dunque, qualche consiglio di Oval, l’app fintech italiana che permette di monitorare le proprie spese e di accumulare risparmi in modo automatico, per questo 2020.

Gestire meglio le proprie finanze

Il 2020 potrebbe essere l’anno della svolta nella gestione delle finanze. Che non significa diventare ricchi, ma gestire meglio ciò che si ha. Qualche consiglio?
Leggere un articolo di educazione finanziaria al giorno, così da vedere le proprie competenze crescere gradualmente, oppure mettere da parte una quota fissa (per esempio il 10%) dei propri introiti mensili e provare a investire – con tutte le cautele del caso – proprio quella somma, così da entrare gradualmente nel mondo degli investimenti, senza fretta e con rischi calcolati.

Abitudini virtuose contro gli sprechi

Perché non approfittare del nuovo anno per sviluppare abitudini salutari e green? Quindi, iniziamo abbassando la temperatura delle stanze in cui si vive di meno, cancelliamo qualche abbonamento usato saltuariamente, usiamo la doccia anziché la vasca (i consumi d’acqua passano da 100-160 litri a 75-90 litri, niente male) e, perché no, vediamo di usare razionalmente lo scarico del WC, che ogni volta che viene azionato consuma 10 litri.

Usare la tecnologia giusta, quella smart

Sui consumi, sulle spese e quindi sull’impiego intelligente delle nostre finanze incide anche la tecnologia: per chi utilizza ancora le lampadine tradizionali è arrivato il momento di passare a quelle LED che garantiscono risparmi costanti nel tempo a fronte di un piccolo costo iniziale.
È comunque sempre meglio staccare la spina dei dispositivi elettronici perché pur essendo in standby, contribuiscono al consumo energetico. Quando si è fuori casa, invece, al posto di prendere la propria macchina, perché non provare qualche forma innovativa (e alternativa) come il car sharing?

Evitare gli acquisti (e i regali) impulsivi

Spendere è giusto, ma va fatto in modo razionale. Se c’è un regalo da fare, meglio pensarci con un po’ di anticipo, così da comprendere perfettamente le esigenze dell’altra persona; è lo stesso discorso di quando si entra al supermercato da affamati: si acquisterebbe qualsiasi cosa, ma questi sono precisamente i momenti in cui si spende di più e male.

Se invece si sta acquistando qualcosa di importante per se stessi, si può riflettere e valutare per 24 ore, prima di stabilire se la motivazione è rimasta la stessa. Infine, sempre in ottica di riduzione degli sprechi, si può organizzare il giorno a “zero spesa”, in cui nessuno della famiglia deve spendere neppure 1 euro: sarà semplicemente un modo per recuperare la bellezza di stare insieme e di divertirsi in modo semplice.