Meridiana araba? A Qatar Airways il 49% della compagnia aerea

2 Febbraio 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Qatar Airways potrebbe acquistare Meridiana, la compagnia aerea sarda in crisi di proprietà dell’Aga Khan. Il premier Matteo Renzi, insieme a Federica Guidi, ministro dello Sviluppo economico e Graziano Delrio, a capo del dicastero dei Trasporti, avrebbero incontrato più volte il numero uno del gruppo arabo, Akbar Al baker pronto a prendere in mano il 49% della compagnia sarda, la stessa quota con cui Etihad entrata in Alitalia.

In tal modo Qatar Airways avrebbe accesso ai diritti di volo italiani e internazionali che oggi possiede Meridiana. Ma le trattative non sono ancora concluse e un’altra ipotesi – avanzata dal quotidiano Repubblica – circola nelle ultime ore.

“Iag, ovvero il marchio che lega British Airways-Iberia, potrebbe completare l’operazione, lasciando fuori il proprio maggior azionista del gruppo ispano-britannico e cioè Qatar. Si aggirerebbe così il limite del 49% di partecipazione a un vettore Ue imposto alle società che vengono fuori dal Vecchio continente: Iag potrebbe procedere a un ingresso in forze nella società italiana la cui crisi rischia, altrimenti, di travolgere da qui all’estate la Costa Smeralda e migliaia di lavoratori in esubero”.

Sul tavolo delle trattative sembra che non ci sia l’acquisizione dell’aeroporto di Olbia – quartier generale di Meridiana – e altri beni in Costa Smeralda. Dal canto suo Meridiana vorrebbe effettuare il trasferimento di lavoratori e contratti in Air Italy, altro vettore di famiglia al fine così di ottenere per la nuova società entrante contratti meno onerosi ma i sindacati promettono battaglia. Così commenta Claudio Tarlazzi, segretario generale della Uiltrasporti:

“Se corrispondesse al vero l’acquisizione di una quota non maggioritaria del gruppo Meridiana, da parte della Compagnia del Qatar, sarebbe una notizia positiva, in coerenza con l’accordo sottoscritto lo scorso anno, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, con il quale si è prorogata la cassa integrazione per i dipendenti di Meridiana e scongiurati in quella fase i licenziamenti. Ora occorrerà valutare attentamente il piano industriale, affinché tale operazione abbia i presupposti per garantire il rilancio del Gruppo e la solidità della tutela dell’occupazione. Siamo, pertanto, in attesa di una convocazione da parte del Ministero a seguito della quale convocheremo le nostre strutture territoriali per il coinvolgimento dei lavoratori”.