Mercati bocciano Marchionne. Fiat, in fumo 1,24 miliardi

8 Maggio 2014, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Sergio Marchionne bocciato dai mercati, insieme al suo piano da 55 miliardi per Fiat-Chrysler.

Capitombolo sul Ftse Mib per il titolo Fiat, che cede alla fine -11,87% all’indomani dell’ottimismo manifestato dalla coppia Marchionne-John Elkan sul futuro del Lingotto. Il titolo non è riuscito inizialmente a fare prezzo per imboccare poi subito la via dei ribassi.

Bruciati nel finale 1,24 miliardi di euro in capitalizzazione. Il titolo ha chiuso a 7,48 euro, dopo che nelle ultime settimane si era portato ai massimi degli ultimi sette anni. Investitori scettici sulla possibilitò che possano essere centrati i target del piano. 86 milioni di azioni passate di mano pari al 6,8% del capitale.

Da segnalare che nell’ultimo mese le quotazioni hanno ceduto oltre -10%; negli ultimi sei mesi, la performance è stata di un rialzo superiore +37%, mentre in un anno oltre +69%.