MENO PETROLIO E PIU’ MADE IN ITALY

22 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 22 giu – “Continua per il quarto mese consecutivo la crescita delle nostre esportazioni (+6,3%) che ha permesso una sostanziale riduzione del nostro deficit commerciale passato da -1796 milioni di euro a -1106, riducendosi di quasi un terzo. Un trend evidenziato anche da Eurostat che ha messo in evidenza come nel 1° trimestre 2007 le esportazioni italiane sono aumentate del 13% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, superando quelle tedesche (+12%), spagnole (+9%) e francesi (+3%) e britanniche (-18%). È un vero e proprio exploit di Made in Italy nel mondo”. È quanto afferma Emma Bonino, Ministro per il Commercio Internazionale e per le Politiche Europee commentando i dati diffusi oggi dall’Istat in merito all’interscambio commerciale di maggio con i paesi extra europei. “Un trend positivo e diversificato” – prosegue il Ministro – “le imprese italiane continuano con successo ad aprirsi la strada verso nuovi mercati. È rilevante , anche se dovuto in parte alla congiuntura climatica e dei prezzi petroliferi, che si sia ridotto di 1,3 miliardi di euro il nostro deficit per i minerali energetici e, che al contempo il Made in Italy abbia conquistato i paesi produttori di petrolio (Opec) con una crescita record di oltre il 33%. Insomma, meno petrolio e più Made in Italy”.