Made in Italy, metà agricoltura è di qualità

20 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – E’ di qualità quasi metà della ricchezza prodotta dall’agricoltura italiana che fa segnare un valore del prodotto interno di qualita’ (PIQ) di 48,5, ben superiore alla media nazionale del 46,3 per cento. E’ quanto afferma la Coldiretti che ha collaborato con i propri giovani al nuovo misuratore dell’economia italiana ideato da Symbola e Unioncamere, nel sottolineare il contributo determinante dell’agricoltura italiana. L’agroalimentare Made in Italy – sottolinea la Coldiretti – ha conquistato nel 2009 la leadership nei prodotti tipici in Europa con 202 riconoscimenti, il maggior numero di imprese biologiche e il primo posto nella sanità e nella sicurezza alimentare, con un record del 99 per cento di campioni con residui chimici al di sotto dei limiti di legge. Il modello agricolo italiano è vincente nel mondo dove ha conquistato primati nella qualità, nel rispetto ambientale e nella salubrità delle produzioni, ma anche – conclude la Coldiretti – nel valore aggiunto per ettaro di terreno, ovvero la ricchezza netta prodotta per unità di superficie dall’agricoltura italiana, che è oltre il triplo di quella Usa, doppia di quella inglese, e superiore del 70 per cento di quelle di Francia e Spagna.