Opec+: “Tagli alla produzione di petrolio per motivi tecnici”

17 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

Gli stati membri dell’Opec+ si sono schierati domenica per approvare il forte taglio alla produzione concordato questo mese dopo che la Casa Bianca ha accusato l’Arabia Saudita di costringere le altre nazioni a sostenere la mossa. La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno affermato che il taglio aumenterebbe i guadagni esteri della Russia e hanno suggerito che fosse stato studiato per motivi politici dall’Arabia Saudita, che domenica ha negato di sostenere Mosca nella sua invasione dell’Ucraina.

Il re saudita Salman bin Abdulaziz ha affermato che il regno sta lavorando duramente per sostenere la stabilità e l’equilibrio nei mercati petroliferi, compresa la creazione e il mantenimento dell’accordo sull’alleanza Opec+, che comprende l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e altri produttori, inclusa la Russia. Il ministro della Difesa saudita, il principe Khalid bin Salman, figlio di re Salman, ha anche affermato che la decisione del 5 ottobre di ridurre la produzione di 2 milioni di barili al giorno, nonostante la mancanza di offerta nei mercati petroliferi, è stata unanime e basata su fattori economici.

I motivi tecnici dietro la decisione dell’Opec

Il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti, Suhail al-Mazrouei, ha scritto su Twitter:

“Vorrei chiarire che l’ultima decisione dell’Opec+, approvata all’unanimità, è stata una pura decisione tecnica, senza alcuna intenzione politica”.

Anche l’amministratore delegato della Kuwait Petroleum Corporation, Nawaf Saud al-Sabah, ha accolto favorevolmente la decisione dell’Opec+ e ha affermato che il paese desidera mantenere un mercato petrolifero equilibrato, ha riferito l’agenzia di stampa statale KUNA.

Oman e Bahrain hanno fatto eco al commento in dichiarazioni separate. Il ministro dell’energia algerino Mohamed Arkab, nel frattempo, ha definito la decisione “storica” ​​e ha affermato che lui e il segretario generale dell’Opec, Haitham Al Ghais, hanno espresso piena fiducia in essa.

In una dichiarazione di lunedì 10 ottobre, Arkab ha affermato che la decisione dell’Opec+ è stata “una risposta puramente tecnica basata su considerazioni puramente economiche”.

Le scorte di petrolio nelle principali economie sono inferiori rispetto a quando l’Opec ha tagliato la produzione in passato. Alcuni analisti hanno affermato che la recente volatilità dei mercati del greggio potrebbe essere sanata con un taglio che aiuterebbe ad attirare gli investitori. Umer Karim, ricercatore in scienze politiche presso l’Università di Birmingham, ha commentato:

“L’enfasi sulla parola ‘tecnico’ suggerisce anche che questi stati membri stanno inviando un messaggio agli Stati Uniti dicendo che non sono una parte coinvolta nella lite tra Riyadh e Washington”.

Scontro fra Washington e Riyadh

Giovedì il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti John Kirby ha affermato che “più di un” membro dell’Opec si è sentito costretto al voto dall’Arabia Saudita, aggiungendo che il taglio alla produzione di petrolio aumenterebbe anche le entrate della Russia e smusserebbe l’efficacia delle sanzioni imposte la sua invasione dell’Ucraina. Il re Salman ha detto in un discorso al Consiglio consultivo della Shura del regno,che il paese è un mediatore di pace e ha sottolineato l’iniziativa del principe ereditario di liberare i prigionieri di guerra dalla Russia il mese scorso. Khalid bin Salman domenica si è detto sbalordito dalle affermazioni che il suo paese “fosse con la Russia nella guerra con l’Ucraina”. “È significativo che queste false accuse non provenissero dal governo ucraino”, ha scritto su Twitter.