LO SAPEVATE? IL GIAPPONE E’ GIA’ IN RECESSIONE

30 Gennaio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Il Giappone è in recessione. Parola
di Goldman Sachs. Fine della corsa.
Il Sol Levante assiste così alla conclusione
del periodo più lungo di crescita
in oltre 60 anni. La produzione industriale
calerà rispetto al picco raggiunto
nel quarto trimestre, sul rallentamento
dei consumi e del settore delle
costruzioni: è questo il parere di Tetsufumi
Yamakawa, chief economist di
Gs in Giappone.

«La recessione non è
tanto il riflesso anticipato della crisi
Usa legata al nodo subprime, quanto
piuttosto conseguenza del calo della
domanda interna», spiega Yamakawa.
E il rallentamento della spesa domestica
fa sì che l’economia dipenda maggiormente
dai mercati esteri. Proprio
mentre il raffreddamento della domanda
statunitense minaccia di espandersi
anche in Asia, dove sono indirizzate la
metà delle esportazioni giapponesi.
Che, secondo i dati Bloomberg già nell’ultimo
trimestre del 2007 sono cresciute
al tasso più basso dal 2005.

Mercato ricco di insidie e di opportunita’. E con news gratis, non vai da nessuna parte. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Secondo
Gs, le forniture verso la Cina, in
termini di volumi, sono aumentate nel
quarto trimestre a un tasso pari appena
alla metà di quello registrato nel periodo
precedente e le esportazioni verso
gli Usa sono andate diminuendo progressivamente
in ciascuno degli ultimi
quattro mesi del 2007. Sul fronte immobiliare,
le nuove costruzioni sono diminuite
notevolmente a partire da giugno 2007 a
causa del blocco delle licenze,
causato dai nuovi regolamenti governativi.

Lo scivolone, il peggiore degli
ultimi 40 anni, con tanto di mea
culpa da parte del primo ministro
Yasuo Fukuda, ha spinto la banca
centrale a rivedere al ribasso le stime
sulla crescita per la prima volta
in tre anni. E non è escluso un taglio
dei tassi di riferimento dello 0,5 per
cento quest’anno.

Copyright © Finanza&Mercati. Riproduzione vietata. All rights reserved

parla di questo articolo nel Forum di WSI