Listini europei ancora sotto il segno degli acquisti

8 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Continua sotto il segno degli acquisti, la giornata dei listini del Vecchio Continente, compreso il nostro mercato, che proseguono il rimbalzo per il terzo giorno consecutivo. Un sostegno arriva anche dalla partenza in rialzo di Wall Street, dopo il dato sulle richieste di sussidio alla disoccupazione, che ha evidenziato un calo delle domande maggiore di quanto previsto dagli analisti. A dare linfa al movimento di recupero anche l’innalzamento delle previsioni di crescita globale per il 2010, da parte del Fondo Monetario Internazionale. Giornata piena di spunti oggi. Si è tenuta infatti anche la conferenza stampa del Presidente della Bce, Trichet, dopo la decisione di lasciare invariato il costo del denaro all’attuale 1%, come da attese. I tassi d’interesse dell’area euro continuano ad essere “appropriati” ha detto il numero dell’istituto centrale, aggiungendo che la ripresa e’ “continuata” anche se “moderata”. Tuttavia ha rilevato Trichet, in Europa prevale ancora incertezza. Sugli altri mercati, l’euro resta tonico nei confronti del biglietto verde con il cross eur/usd che scambia a 1,2693 dollari. Sostenuto anche il petrolio con le quotazioni che superano la soglia dei 75 dollari al barile. Tra gli indici milanesi, il Ftse All Share avanza dell’1% mentre il Ftse Mib sale dell’1,10%. Nel paniere principale Mediaset si conferma maglia rosa grazie ad un report positivo. Tra gli editoriali, Mondadori torna a smentire un interesse per i periodici Rcs, con l’AD, Maurizio Costa, che ha dichiarato “non c’è nulla, non ci sono trattative, sono solo illazioni giornalistiche destituite di fondamento”. Restano ben impostati bancari in attesa della pubblicazione degli stress test. Robusti gli assicurativi. In spolvero Bulgari mentre dal lato dei ribassi si attestano Prysmian e Parmalat. Sul completo, tonica Stefanel già euforica nei giorni precedenti in scia all’avvio dell’aumento di capitale. In fermento l’A.S. Roma in attesa di novità dall’incontro oggi tra l’Italpetroli dei Sensi e Unicredit.