La reazioni dei mercati all’attentato di Manchester con “armi sofisticate”

23 Maggio 2017, di Daniele Chicca

Per ora è pacata la reazione dei mercati finanziari ai fatti di Manchester, dove un uomo si è fatto saltare in aria con un’arma “sofisticata” provocando la morte di 22 persone a un concerto. Il bilancio è provvisorio e parla anche di decine e decine i feriti, tra cui giovani che si erano all’Arena della città inglese per assistere al concerto della pop star americana Ariana Grande. L’azionario europeo ha ignorato la notizia e preferisce concentrarsi sulle ultime rilevazioni positive in ambito macro. 

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 23 Maggio 201712:12

Dopo un avvio in sordina le Borse europee arrivano quasi tutte al traguardo di metà giornata in territorio positivo. 

Daniele Chicca 23 Maggio 201712:15

Sul fronte obbligazionario lo Spread tra Btp e Bund decennali è calato per la prima volta dal 26 gennaio sotto i 170 punti basi (piattaforma Tradeweb). Il tasso di riferimento del titolo di Stato italiano scambia al 2,12%, dopo essere sceso oggi anche a 2,11%, come nelle sedute di ieri e venerdì, il livello più basso da inizio marzo.

Daniele Chicca 23 Maggio 201712:18

Continua il rafforzamento dell’euro che, in mattinata, si attesta sui massimi da sei mesi e mezzo nei confronti del dollaro mentre la sterlina cede terreno, a seguito dell’attentato dinamitardo sanguinolento di ieri sera a Manchester. In particolare l’euro/dollaro è salito stamane fino a 1,1267, il livello più alto dall’elezione di Donald Trump lo scorso novembre, grazie anche ai buoni dati economici della mattinata, i Pmi preliminari di maggio di Francia, Germania e zona euro e l’Ifo tedesco, sempre di maggio. Intanto, la sterlina cede circa lo 0,3% nei confronti dell’euro e lo 0,2% su dollaro e yen, rispettivamente in area 1,2975 e 144,45.

Daniele Chicca 23 Maggio 201712:22

In Usa si profila una seduta in rialzo per l’azionario con gli investitori che aspettano di ricevere altre notizie dalla prima missione all’estero del presidente Donald Trump e da eventuali nuovi sviluppi sul fronte economico, di politica monetaria e del petrolio.

Daniele Chicca 23 Maggio 201713:20

I futures sull’S&P 500 scambiano sui massimi di sempre con l’azionario che è aiutato dai dati positivi pubblicati in Eurozona. Il petrolio, nonostante l’estensione prevista ai tagli della produzione, cede invece terreno sui piani di vendita di metà delle scorte di petrolio strategiche detenute in Usa. La proposta verrà inclusa nel piano di bilancio che l’amministrazione Usa presenterà oggi alle 17 italiane.

Daniele Chicca 23 Maggio 201713:20

I futures sull’S&P 500 scambiano sui massimi di sempre con l’azionario che è aiutato dai dati positivi pubblicati in Eurozona. Il petrolio, nonostante l’estensione prevista ai tagli della produzione, cede invece terreno sui piani di vendita di metà delle scorte di petrolio strategiche detenute in Usa. La proposta verrà inclusa nel piano di bilancio che l’amministrazione Usa presenterà oggi alle 17.

Daniele Chicca 23 Maggio 201716:04

Dopo la pubblicazione degli ultimi dati macro in Usa su indice Pmi del settore manifatturiero e vendite di case nuove, entrambi deludenti rispetto alle aspettative di mercato, l’azionario americano si è indebolito e il Nasdaq ha intrapreso la strada dei ribassi.

Daniele Chicca 23 Maggio 201716:45

Appena due giorni prima del vertice dei maggiori paesi produttori di greggio, dal punto di vista tecnico il petrolio si trova davanti a un bivio cruciale. Un andamento in rialzo potrebbe spingere i contratti in una fase rialzista, ma i prezzi dei future Wti potrebbero anche capitolare.

Due figure si stanno formando praticamente in contemporanea dopo gli ultimi sbalzi delle quotazioni. Una “croce della morte” ribassista si verifica quando la media a breve termine dei valori toccati da un asset scivola sotto la media a lungo termine. È un segnale di stress notevole. La cosa strana dell’andamento visto di recente, è che anche il contrario potrebbe materializzarsi. In quel caso si parla di “croce dorata”.

La media a 50 giorni del petrolio e quella a 200 giorni stanno convergendo intorno allo stesso trading range (vedi grafico). La media a breve termine è la linea rosa, quella a lungo termine in verde.

Daniele Chicca 23 Maggio 201716:57

Sul Forex se l’euro si rafforza ai massimi di sei mesi sulla scia dei dati macro migliori del previsto pubblicati in Eurozona e soprattutto in Germania, la sterlina scambia in calo nella prima seduta dopo l’attentato all’arena di Manchester, l’attacco più sanguinolento da quello del 7 luglio 2015 a Londra. Al momento la valuta britannica passa di mano a 1,297 dollari (-0,32%).

Daniele Chicca 23 Maggio 201716:59

Gli indici PMI compositi pubblicati oggi per l’Eurozona mostrano che le attività delle aziende dell’area si sono attestate sui massimi dal 2011 (56,8 punti). La buona notizia ha spinto l’euro a quota 1,127 dollari. Da inizio aprile la moneta unica è in progresso del 6,5%. I rischi politici si sono ridotti e la ripresa si sta consolidando.

Daniele Chicca 23 Maggio 201717:40

Gli indici PMI compositi pubblicati oggi per l’Eurozona mostrano che le attività delle aziende dell’area si sono attestate sui massimi dal 2011 (56,8 punti). La buona notizia ha spinto l’euro a quota 1,127 dollari. Poi l’euro ha ripiegato a 1,123, ma da inizio aprile la moneta unica è in progresso del 6,5%. I rischi politici si sono ridotti e la ripresa si sta consolidando.

Daniele Chicca 23 Maggio 201717:41

Alla chiusura dei mercati europei il contratto sul petrolio Wti è in rialzo a 51,3 dollari al barile. Le quotazioni sono mosse dalle aspettative per il meeting Opec in programma questo giovedì che dovrebbe dare nuove indicazioni sull’estensione dei tagli alla produzione.

Daniele Chicca 23 Maggio 201717:41

Le Borse Europee si rifanno dopo la frenata di ieri e risalgono la china con l’Eurostoxx50 che segna +0,58%, beneficiando dei dati positivi sugli indici PMI nella zona euro, usciti in mattinata. Guida i rialzi Nokia (+6,8%) che beneficia dell’accordo stipulato con Apple. Bene anche E.on e Banco Santander. Vendite invece su Daimler e Unibail Rodamco.

Daniele Chicca 23 Maggio 201717:43

Anche Piazza Affari chiude in progresso, con il listino Ftse Mib delle bkue chip che fa segnare un +0,46%. La seduta è stata caratterizzata da movimenti in range ristretto con i trader che non vogliono prendere grandi rischi prima di ricevere indicazioni ulteriori su Fed, Opec e Trump. Dal versante societario la promozione di Banco BPM porta il titolo in cima al listino in netto rialzo, e ne beneficia tutto il comparto bancario. In rialzo anche Prysmina e Italgas. Male invece Telecom e FCA dopo le notizie societarie uscite in giornata.