La felicità? Costa almeno 75mila dollari all’anno

3 Luglio 2021, di Leopoldo Gasbarro

La felicità? Si può comprare. Dipende solo da quanto si è disposti a pagare. Una ricerca dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti fissa in una soglia minima di 75mila dollari l’anno un forte livello di soddisfazione personale. Ora almeno sappiamo quanto costa davvero.

Lo dicono studi approfonditi dell’ Accademia Nazionale per le Scienze degli USA. La ricerca ha scoperto, evidenziando in un primo momento come il benessere sembri non aumentare troppo al di sopra dei redditi da 75.000 dollari all’anno, quasi rappresentassero una linea di forte soddisfazione percepita. Ulteriori approfondimenti però sono stati fatti attraverso un milione di rapporti in tempo reale sul benessere, sperimentato su un ampio campione statunitense. Tali test hanno mostrato che il benessere aumenterebbe, invece, linearmente con il reddito, al di sopra gli 80.000 dollari.
Ciò suggerisce che i redditi più elevati possono ancora avere il potenziale per migliorare il benessere quotidiano delle persone.

Ma come si misura la felicità?

In questo studio sono state misurate due forme di benessere:

  • Benessere sperimentato
  • L’umore e i sentimenti di una persona nel corso della vita quotidiana.
  • Benessere valutativo
  • la percezione che ognuno ha della propria vita.

Perché i soldi comprano la felicità?

Il rapporto avverte che qualsiasi teoria dietro al motivo per cui la felicità aumenta con il reddito è puramente speculativa. Tuttavia, elenca alcune possibilità:

Maggiore comfort
Man mano che una persona guadagna di più, può avere la possibilità di acquistare cose che riducono la sofferenza. Ciò è particolarmente vero quando si confrontano gruppi di reddito da basso a moderato: redditi più grandi al di sotto degli 80.000 dollari all’anno mostravano ancora una forte associazione con sentimenti negativi ridotti.

Maggiore controllo

Il controllo sembra essere legato ai livelli di felicità degli intervistati. Infatti, avere un senso di controllo ha rappresentato il 74% dell’associazione tra reddito e benessere.

Il denaro conta
Non tutti gli intervistati si preoccupano del denaro. Ma per coloro che lo hanno fatto, ha avuto un impatto significativo sul loro benessere percepito. In generale, i redditi più bassi erano più felici se non davano valore al denaro, mentre quelli con un reddito più alto erano più felici se pensavano che il denaro fosse importante.

Intanto proprio contemporaneamente a questa ricerca è stato pubblicato il nuovo rapporto sui livelli di felicità nel Mondo per il 2021. Il report risponde o cerca di farlo, alla domanda:

“Sei felice?”

È generalmente inteso che avere abbastanza soldi per coprire i tuoi bisogni e desideri può aiutarti a vivere una vita relativamente felice e confortevole.

Tuttavia, c’è molto di più. I livelli di felicità dipendono non solo dalla sicurezza finanziaria, ma anche da una percezione più ampia del proprio sostegno sociale, della libertà personale e altro ancora.

Questa serie di mappe estrae i dati dal World Happiness Report per scoprire i punteggi medi di 149 paesi tra il 2018-2020 e quali siano più felici o i più infelici.

Torniamo alla domanda precedente: come si misura la felicità?

Innanzitutto, diamo un’occhiata ai fattori utilizzati per calcolare i livelli di felicità mondiale. Alcuni indicatori chiari sono la salute e la ricchezza, la cui considerazione per entrambe è in costante aumento in tutto il Mondo. Il rapporto ne tiene conto, ponderando nei punteggi il PIL pro capite e l’aspettativa di vita alla nascita.

Il rapporto esamina anche aspetti più immateriali, raccogliendo le risposte ai sondaggi su:

  • Supporto sociale
  • Libertà di fare scelte di vita
  • Generosità
  • Percezioni di corruzione del governo/aziendale
  • Affetti positivi o negativi (Recente esperienza di emozioni)

Quest’anno, c’è stato un focus naturale sulla misura degli effetti negativi della pandemia di COVID-19 sui livelli di felicità, come l’esacerbare i rischi per la salute mentale. Inoltre, tali misurazioni variavano a seconda della risposta di ciascun paese alla crisi. Ma vediamo come la felicità cambi a seconda della geografia

Nord America
Stato d’animo attuale: felice (6.1)

Il Canada mantiene il suo posto come il paese più felice del Nord America, anche se la sua classifica globale complessiva è diminuita nel corso degli anni. Nel 2019, si è classificato al nono posto a livello globale, scendendo all’11° nell’edizione 2020 e scendendo ulteriormente al 14° posto nel rapporto di quest’anno.

Paesi-più-e-meno-felici-2021-Nord-America

Haiti continua a cavarsela male come la più infelice della regione, con una crescita media annua del PIL di solo l’1,3% in 20 anni. La sua debole economia e l’instabilità politica sono state aggravate dalla pandemia, che ha rallentato gli sforzi per ridurre la povertà e ampliare le disuguaglianze.

Sud America
Stato d’animo attuale: contenuto (5.9)

L’Uruguay è il paese sudamericano più felice. La nazione ha anche raggiunto un accesso equo ai servizi di base, dall’istruzione all’elettricità.

Paesi-più-e-meno-felici-2021-Sud-America

Il trio di Colombia, Ecuador e Venezuela sta vivendo diverse fasi di progresso nei livelli di felicità, ma la loro relazione è molto interdipendente.

Venezuela ed Ecuador affrontano sfide economiche simili e forti cali dei prezzi del petrolio. Il Venezuela è inoltre gravemente colpito da disordini socio-politici, che hanno innescato un esodo di massa di cittadini verso l’Ecuador e la Colombia. La Colombia, il paese migliorato di più , ha dimezzato il tasso di povertà nell’ultimo decennio. Inoltre, ha accolto quasi 2 milioni di migranti venezuelani a partire da dicembre 2020 e prevede di fornire loro fino a 10 anni di status protettivo.

Europa
Stato d’animo attuale: felice (6.4)

La Finlandia rimane in cima alla classifica come il paese più felice del mondo. La classifica di quest’anno è stata anche influenzata dagli alti livelli di fiducia nel modo in cui è stata gestita la pandemia di COVID-19.

La Croazia è il paese che è migliorato di più..

Paesi-più-e-meno-felici-2021-Europa

L’Ucraina è il più infelice d’Europa. In generale la felicità sembra essere più presente nei Paesi del Nord. Ma non si diceva sempre che fossero freddi, che fossero tristi, che fossero lontani dall’essere felici e gioviali e che per trovare stati d’animo diversi dovessero correre alle nostre latitudini? Ed invece spostandosi verso i nostri lidi i valori tendono a scendere verso il basso.

Sarà forse che, pur avendo tutto per essere felici noi non si sia in grado di esserlo davvero? Bhe, forse sembra banale parlare di felicità attraverso un report, forse ognuno di noi sa quanto sia felice. Forse utilizzare meglio i soldi di ricerche e ricercatori renderebbe tutti un pò più felici. O no?!

A proposito.

Secondo il report l’Italia sarebbe al 25simo posto.