L’ISM servizi USA scende ma non delude

6 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La decelerazione a giugno dell’Ism non manifatturiero americano, non sembra deludere il sentiment degli investitori che continuano ad acquistare sui listini azionari, in Europa e in Usa. Nel mese appena concluso, l’indice ha registrato una flessione (a 53,8 punti dai 55,4 di maggio) confermando un settore in espansione, meno tuttavia rispetto al mese precedente. Tra gli operatori c’è voglia di rimbalzo, già mostrata negli scambi in Asia. Un copione visto anche stamane nel Vecchio Continente ed ora a Wall Street. Dopo sei sedute negative consecutive, a causa dei timori sul rischio di una recessione più profonda dopo il debole outlook sulle condizioni macroeconomiche, gli investitori ora sembrano rivolgere la loro attenzione ai fondamentali delle società, con l’arrivo delle trimestrali dagli Stati Uniti, la prossima settimana.