L’Europa china la testa dinanzi a dati USA deludenti

17 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Questa volta l’Europa torna a soccombere di fronte al destino di Wall Street, che non riesce a mantenere i guadagni iniziali a causa di due deludenti dati macroeconomici. Il crollo del Philly FED e la crescita sotto le attese del superindice hanno messo di cattivo umore gli investitori statunitensi e di conseguenza quelli europei. A meno di un’ora dall’opening bell e circa un’ora dalla chiusura delle euroborse, i listini del Vecchio Continente si portano sui minimi scivolando in molti casi nel segno meno. Restano positive Madrid +0,46%, Bruxelles +0,23% e Londra +0,18%. Capitolano invece Amsterdam -0,25%, Zurigo -0,24% e Parigi -0,19%. Sulla parità Francoforte.