Italia guadagna appeal agli occhi degli investitori esteri

24 Aprile 2017, di Mariangela Tessa

Nonostante la crescita debole, l‘Italia diventa più attraente agli occhi degli investitori esteri. E’ quanto emerge dalla classifica Fdi Confidence index di At Kearney, che mette in fila i 25 paesi più attraenti agli occhi degli stranieri, in cui l’Italia spicca al 13esimo posto, mettendo a segno un balzo in avanti di tre posizioni rispetto al 16esimo posto delle scorso anno.

Lo riporta un articolo del Sole 24 ore, che specifica  che solo la Svezia, che passa dalla 22esima alla 15esima posizione, compie un balzo più grande di noi. Un balzo dunque insperato tanto più che nell’indice 2017 scavalchiamo Brasile e Olanda e ci poniamo alle spalle di un campione di stabilità come la Svizzera.

Com’è possibile?

“Quello che oggi dell’Italia arriva agli investitori esteri, al netto delle vicende politiche interne, è un messaggio di tenuta del Paese. Soprattutto, non sembra venuto meno il giudizio positivo su alcune grandi riforme volute dal precedente governo, in primo luogo il Jobs act” spiega al Sole 24 Ore, Marco Andreassi, a capo della sede italiana di At Kearney. “Nell’immaginario degli investitori – prosegue Andreassi – l’Italia è ancora il Paese che ha schiacciato l’acceleratore sulle missioni governative all’estero e sulla disponibilità a firmare accordi di collaborazione economica e di apertura commerciale”.

Tornando alla classifica generale per il 2017, le sorprese non si esauriscono con il caso Italia. Una è la tenuta al primo posto degli Stati Uniti nonostante tutti i timori dell’era Trump; l’altra è la Gran Bretagna che, nonostante l’incognita Brexit, guadagna una posizione, passando dal quinto al quarto posto. In quest’ultimo caso, l’accresciuto appeal del Paese potrebbe anche essere giustificato dal fatto che la svalutazione della sterlina rende più appetibili gli affari degli investitori esteri.